PSALM 71 Significà versu per versu

0
1565
PSALM 71 Significà versu per versu

Oghje studieremu u Salmu 71 chì significa da versu in versu. U Salmu 71 hè a preghiera d'un anzianu minacciatu da ellu Nimici (versi 9, 18). Prima di sprimà bè a so petizione, u salmista dice prima una breve introduzione à a so petizione (versi 1-4). Rinforza ste parolle cù una meravigliosa dichjarazione di a so fiducia permanente in u Signore (versi 5-8). Questa sezione hè ricca di l'espressione di fiducia è di cummunione cun Diu: "Tu sì a mo speranza" (versu 5), "tu sì a mio fiducia (versu 5)," tu sì ellu "(vers 6)," tu sì u mio forte rifugiu "(versu 7)," u vostru elogiu è ... u vostru onore (versu 8). L'impressione hè lasciata chì un psalmista hè un omu maturu di a fede chì reagisce à i so prublemi cù fiducia implicita in Diu. A so vera petizione è u lamentu sò avà dati (versu 9-13). Hè una preghiera per l'aiutu per ellu stessu è di ghjudiziu per i so nemici. In più, manifesta a so cunfidenza à esse rispostu (versi 14-21), è a so elogia cunsequente (versi 22-24).

Salmu 71 Significatu Verse Per Verse

Versu 1: In tè, O Signore, mi facciu fidighjà: ùn mi lasciu mai in cunfusione.

A prima linea di stu salmu guarda à Diu è dichjara a fiducia di David in Diu; u salmista era fiduciosu chì una tale fiducia in u SIGNORE cunduceria à a rivindicazione è ch'ellu averia micca mai sminticatu. U Salmistu principia cusì spessu a so preghiera cù una dichjarazione di a so "fede" chì ghjè à l'ànima in l'afflussione di ciò chì un ancor hè à un battellu in striste.

Versu 2: Fegatevi in ​​a vostra ghjustizia, è fendu scappà di mè: incline a vostra orechja à mè, è salva.

 Perchè u salmista hà fiducia in Diu, hà dumandatu cun timore à Diu di agisce in modu giustu in nome di ellu è di Liberà ellu. Hà dumandatu chì a rightezza di Diu travaglià in nome di ellu. In a prima linea u salmista stabilì a basa di a salvezza di Diu: liberatevi in ​​a vostra ghjustizia. Dopu, hà dumandatu à Diu per agisce in modu cunversione in nome di u so servitore necessitatu, di salvezza è di pruteghja.

Versu 3: "Sia u mo abitazione forte, duv'ellu si pò sempre ricurisce: avete datu u cumandamentu per salvà; per voi [sì] u mo scogliu è a mo fortezza.

Siate u mo abitazione forte; Abitazione quì seria abitazione. Puderemu sempre nascondere in Ghjesù se noi sia un fedele. Custruisce una legna intornu à noi è ci pruteghja da u male. Sì a roccia chì mi custruu annantu, è sì ancu a mo forte fortezza. "Ci vedemu un omu debule, ma ellu hè in una forte abitazione: a so securità riposa nantu à a torre induve si stà è ùn hè micca messu in periculu per via di a so miseria.

Versu 4: Delibirami, O mio Diu, da a manu di l'omu gattivu, da a manu di l'omu ingiustu è crudele.

A fonte di a miseria di u salmista hè rivelata. Ci era un omu gattivu, inghjustu è crudele chì paria tene u salmista in a so presa. Da questu, avia bisognu di Diu per liberallu. "Ricurdà sempre chì a gattivezza hè almenu periculosa quandu si tenta cum'è quandu si persegue; è ponu surrisu, cum'è un cipolle, questi gattivi sò i nostri nemichi perchè sò nemichi di Diu. L'omi inghjusti sò crudeli perchè ùn anu micca cuscenza.

Versu 5: Perchè sì [a] speranza, O Signore DIO: [sì] a mo fiducia da a mo ghjuventù ".

U salmista hà proclamatu a so speranza è a fiducia in Diu d'Israele. Ùn era micca solu chì a so speranza era in Diu; Ellu  a so speranza. "Sì a mo fiducia da a mo ghjuventù": In quale hà fidatu in i so tempi di ghjuventù, di i quali ci hè un esempiu eminente in (1 Sam. 17:33). Rinfurzeghja a so fede per l'esperienza di i benefici di Diu, chì ùn l'hà micca solu cunsirvatu in u senu di a mamma, ma l'hà pigliatu da quì, è da sempre l'ha cunservatu.

Versu 6: "Per tè sò statu trattenutu da l'utru: sì quellu chì m'hà cacciatu da l'intestine di a mo mamma: a mo loda [serà] di continuu da tè".

 È nutendu a cura di Diu è l'aiutu à ellu da a prima età, u salmista appellu à a cura continuata di Diu, è à u turnu, hà prumessu. loda à Diu chì era appena cuntinuu. I miei elogi anu da esse continuu: questu significa induve a bè hè stata incesa, e l'elogi anu da esse offru incesu. "

 Versu 7: Sò cum'è una maraviglia per parechji, ma voi [sì] u mo forte refuggiu

A causa di e numerose avversità è attacchi, parechje persone sò state stupite da u salmista. Eranu stupiti chì un omu - in particulare unu cusì impegnatu cun Diu - puderia esse cusì afflittu. Malgradu tuttu, truvò un forte rifugiu in Diu stessu.

 Versu 8: Chì a mo bocca sia piena [di] a to loda [è] di u to onore tuttu u ghjornu ".

Perchè Diu era statu cusì fidu cum'è un forte rifugiu, u salmista era decisu à parlà lode à Diu è parlà di a so gloria. U pane di Diu hè sempre in bocca, dunque duverebbe esse u so lode. Ellu ci empie di bè; lasciassi ancu pieni di gratitudine. Questu ùn lasceria micca spaziu per murmurà o riturnà.

Versu 9: Ùn mi scacciate micca in tempu di vichjàia; ùn mi abbandunà quandu a mo forza falle ".

U salmista hà cunnisciutu a fideltà di Diu per mezu di i so anni più ghjovani è avà hà dumandatu chì Diu continuassi sta fideltà in a so vichjàia è chì a so forza fiasca. A sapia omu di a forza diminuisce cù a vechjezza, ma Diu l' a forza ùn face micca. "Ùn hè micca naturale o improperu per un omu chì vede a vechjezza vene nantu à ellu per pregarà per grazia speciale è forza speciale, per permettenu di scuntrà ciò chì ùn si pò alluntanà, è quellu chì ùn pò micca teme; per quellu chì pò circà l'infirmità di a vechja età, secondu vene nantu à ellu stessu.

 Versu 10 è 11: «Per i mo, i nemichi parlanu contr'à mè, è quelli chì aspettanu a mo ànima piglianu cunsigli inseme. Dicendu: Diu l'hà abbandunatu: perseguitelu è piglialu; perchè [ùn ci hè] nimu per liberallu [»].

U salmista sapia ciò chì i so avversarii dicenu contr'à ellu. Sapia chì dichjaravanu chì Diu l'avia abbandunatu, è ùn ci hè nimu per liberallu. A so avversità li hà fattu pensà chì Diu ùn era più cun ellu, allora era un mumentu eccellente per attaccà (u persegue è u piglia).

Ghjesù sapia ciò chì era per l'omi di dì contr'à ellu: "Diu l'hà abbandunatu" "U nostru Signore hà risentitu questu fustu spinatu, è ùn hè micca una maraviglia se noi i so discìpuli sintimu listessu.

 Versu 12: "O Diu, ùn sia micca luntanu da mè: O Diu mo, affrettati per u mo aiutu". Con i nemici determinati cum'è descrittu in e linee precedenti, u salmista avia bisognu di l'aiutu di Diu prestu. Sintia chì u supportu ritardatu ùn era nunda d'aiutu. U salmista avia da trattà à u fattu chì cumu i so anni avanzavanu, i so prublemi ùn si ne sò andati. U prublemi sò stati. Questa hè una prova significativa per alcuni credenti, ma u salmista l'hà capitu cum'è compulsa a so fiducia constante è più persunale in Diu.

 Versu 13: Sia cunfusati [è] cunsumati chì sò avversi in a mio anima; s'elli sia cuparti [cun] reproche è disonore chì cercanu u mo feritu.

Questa era l'aiutu chì u salmista hà dumandatu. Ci vulia chì Diu batte i so avversari cù cunfusione è cunsumu, disappruvamentu è disonore. Ùn solu ùn li vulia scunfitti ma ancu discreditati. I nemici di David sò ancu i nemici di Diu.

Versu 14: Ma spergu continuamente, è ti luderaghju sempre di più ".

Per liberazione è salvezza da i prublemi esterni attuali, per; più grazia quì è gloria dopu. Hè l'Eccellenza di a grazia di a speranza per esse esercitata in tempi di afflizione è angoscia. U salmista era in una crisa severa è dipende da Diu per l'aiutu. Eppuru, in questu salmu, ùn scivola micca in a disperazione o pare perde u sensu di u favore di Diu. hè una maravigliosa combinazione di dui prublemi è di lode. "Spergu continuamente" (Aspettaraghju liberazione dopu liberazione, è benedizzione dopu benedizzione; è, in cunsequenza, ti lode sempre di più. Cum'è e vostre benedizioni abbondanu, cusì saranu e mo lode)

 Versu 15: A mo bocca mustrà a to ghjustizia [è] a vostra salvezza tutta a ghjurnata; perchè ùn cunnosci micca i numeri.

David era felice di testimunià di a ghjustizia di Diu è di a so salvezza è di fà lu tuttu u ghjornu. Sentì chì tuttu u ghjornu era necessariu perchè ùn sapia micca i limiti di a ghjustizia è di a salvezza di Diu. Sò illimitati. Ùn cunnoscu micca i so numeri: «Signore, induve ùn possu cuntà, crederaghju, è quandu una verità supera a numerazione, mi piglieraghju à ammirazione.

Versu 16: I andaraghju in a forza di u Signore Diu: Fereraghju parlà di a vostra ghjustizia, ancu a vostra sola.

Fighjendu avanti, u salmista era fiduciosu in a forza di Diu, malgradu u so sensu di diminuzione di u putere persunale cù l'anni avanti. "Quellu chì và à a battaglia contr'à i so nemichi spirituali deve andà, senza cunfidassi in a so propria" forza ", ma in quella di u Signore Diu, micca in a so propria" ghjustizia ", ma in quella di u so Redentore. Una tale persona s'impegna cù onnipotenza da u so latu, è ùn pò micca esse vittoriosa.

Versu 17: O Diu, m'hà amparatu di a mo ghjuventù: fin'à a sera aghju dichjaratu e vostre opere meravigliose.

U salmista hà avutu a furtuna benedetta d'avè seguitatu à Diu è amparatu da ellu da i so ghjovani anni. Era qualcosa chì u beneficava finu à i so anni più vechji, dichjarendu sempre e belle opere di Diu. Esse insignatu da a so ghjuventù mostra stabilità è cunsistenza. Ùn ci hè micca fluttering da una moda à l'altru, da una cuntruversa à l'altru. Ellu dice: "O Diu, m'hai amparatu da a mo ghjuventù", ciò chì implica chì Diu avia continuatu à insegnallu: è cusì hà avutu. U studiente ùn avia micca cercatu un'altra scola, nè u Maestru avia spignatu u so sculare.

Versu 18: Avà ancu quandu sò vechju è grisgiu, O Diu, ùn mi lasciate micca; finu à chì aghju pruvatu a to forza à questa generazione [è] u vostru putere à tutti [chì] hè da vene.

Hà pricatu per a prisenza cuntinua di Diu per pudè dichjarà a forza di Diu à una nova generazione. Ùn ci hè nunda di più calculatu per tene u core di l'età ghjovanu, cà stà accantu à i ghjovani, simpatizendu cù e so ambizioni, animendu i so sforzi, è raffurzendu u so curaghju, cuntendu e storie di a forza di Diu, e sperienze di a so putenza. Ùn ci hè nunda di più pietosu, o altru più bellu chè a vichjàia. Hè pateticu quandu u so pessimisimu raffredda l'ardori di a ghjuventù. Hè bella quandu u so testimone stimula e visioni è ispira l'eroisimu di i giovani. "

Versu 19: Ancu a vostra ghjustizia, O Diu, hè altissima, chì avete fattu grandi cose: O Diu, chì hè simile à tè.

U salmista hà cunsideratu a grandezza di Diu, prima chì a so ghjustizia era di un ordine diversu da quella di l'omi, assai alta sopra quella di l'omi, è dopu, chì Diu hè quellu chì hà fattu grandi cose al di là di ciò chì l'omi ponu fà. A ghjustizia è a putenza suprana di Diu l'anu fattu dumandà, O Diu, quale hè cum'è tè? «Diu hè solu, quale pò assomigliallu? Hè eternu. Ùn ne pò avè nimu nanzu, è ùn ci pò esse nimu dopu à; perchè in l'infinitu 'unità di a so Trinità, hè quellu Uteru eternu, illimitatu, imparbile, incomprensibile è inaccessibile, u quale criticu hè oculatu da tuttu intelligenza creata, è di quale cunsiglii ùn si pò capisce di alcuna criatura chì ancu a so manu pò forma.

Versu 20: [Tu], chì m'hà dimustratu grande è severu prublemi, mi accurcararanu di novu, è mi pigliammu torna da e prufundità di a terra.

David hà capitu chì tutte e cose eranu in manu di Diu è chì, s'ellu avia sperimentatu grandi è gravi guai, ancu ellu, li era statu dimustratu da Diu. U stessu Diu puderia ancu rinviviallu, purtandu dinò da u fondu di a terra. «Ùn dubitate mai di Diu. Ùn dì mai ch'ellu hà abbandunatu o sminticatu. Ùn pensate mai ch'ellu ùn sia simpaticu. Ellu vi darà a vita dinò ".

Versu 21: Aumentate a mo grandezza è mi cunsulerà da tutti i lati.

Più chè una preghera, era una proclamazione fiducia. Ancu s’ellu era più vechju dapoi anni, sperava sempre chì Diu aumenterà a so grandezza è continuerà u so confortu. Aumentarete a mo grandezza: L'idea hè chì, cù l'anni continuati, u salmista viderebbe sempre di più e cose grandi.

Versu 22: Vi glurificheghju ancu cù a salmaria, o ancu a vostra verità, O mo Diu: à tè canteraghju cù l'arpa, tu Santu di Israele. 

U salmista hà prumessu di glorificà Diu micca solu cù a so voce, ma ancu cù i so strumenti musicali. Saria una canzona chì celebreghja Diu per ciò chì hà fattu (A so fideli) è per quale Hè (O Santu di Israele). U salmista era preoccupatu di festighjà currettamente a persona è u travagliu di Diu.

Versu 23 è 24: I mo labbra si ralleranu assai quandu vi cantu; è a mo anima, chì hai redimitu. A mo lingua parlerà ancu di a vostra ghjustizia tutta a ghjurnata: perchè sò cunfunditi, perchè sò purtati à a vergogna chì cercanu u mo feritu.

Ùn ci hè micca una vera lode di Diu s'ellu ùn vene da u core. È per quessa, prumette di piacè di nunda, fora di quellu in quale Diu hè glurificatu. E so labbre è l'anima eranu dighjà date per lodà Diu in cantu. Avà hà aghjustatu u discorsu di a so lingua per parlà di a ghjustìzia di Diu, sopratuttu cum'è era vistu in trionfo nantu à i so nemici.

Quandu Avemu bisognu di stu salmu

  1. Durante a vechje età ùn pudemu più fidà di a nostra forza fisica per fà e cose
  2. Quandu simu stanchi o indebulimemu spiritualmente
  3. Quandu avete sente chì avete bisognu di ludà à Diu per ciò chì hà fattu in a nostra vita da a nascita
  4. Quandu simu sgrossati cù e circustanze intornu à a nostra vechja età
  5. Ogni volta chì avete bisognu di forza di Diu per fà per superare e tappe difficili di a nostra vita

Preghiere

  1. Grazie, Signore, per a forza crescente da i ghjorni di a mo nascita finu à oghje, gloria à tè in u più altu, Aleluja.
  2. Aumenta a mo grandezza, Signore. Lascia ogni parolla chì avete parlatu vene in u nome di Ghjesù.
  3. Ordine i mo passi versu a mo grandezza ogni ghjornu. Chì ogni cuntrariu di u mio avversariu vene in nunda in nome di Ghjesù.
  4. Lasciami gode di i vostri bracci eternu di cunfortu tutte intornu à mè stu ghjornu è per sempre in nome di Ghjesù. Amen.

Annunci

PASSATE una risposta

Piacce u vostru cummentariu!
Introduzate u vostru nome quì